Centro Sangkheum – progetto n° C13

5

Dal 2001, con il contributo del Ministero degli Affari Esteri italiano, in collaborazione con la Ong locale Kado, Progetto Continenti ha realizzato il Centro Sangkheum che in lingua khmer significa “Il Centro della Speranza”, non lontano dalla città di Siem Reap.

A partire dai suoi inizi, il Centro Sangkheum ha fornito opportunità educative, formative e ricreative a circa 800 bambini, provenienti da famiglie svantaggiate che vivono nelle zone limitrofe, che hanno frequentato il Sangkheum durante il giorno, mentre per quasi 300 bambini di età compresa tra 4 ei 17 anni il Centro è stato per lungo periodo una vera e propria casa.

camb18

Il Centro è stato pensato e strutturato con piccole case in stile khmer per ospitare gruppi di 8 bambini con un’educatrice. In questo modo si è voluto ricostruire una sorta di unità familiare, per chi l’ha perduta o non l’ha mai avuta, dove i bambini hanno avuto la possibilità di vivere affetti e relazioni fondate sull’accoglienza, il rispetto, la continuità e la sicurezza. Ognuno di loro ha vissuto e affrontato un trauma diverso: alcuni non hanno più i familiari, altri hanno un solo genitore che non è in grado di prendersi cura di loro (sia per motivi economici che talvolta per motivi personali e relazionali). Per altri, invece, vi è la possibilità di tornare alla loro famiglia di origine (sia genitoriale che allargata) ma solo in seguito ad un approfondito e progressivo lavoro di verifica delle diverse condizioni familiari (economiche, sociali, personali, logistiche, di sicurezza etc.) e di riconnessione dei legami.

Nel 2014 abbiamo così avviato processi di riconnessione (ripresa progressiva dei legami familiari) e ricongiungimento (ritorno a casa vero e proprio) con le famiglie dei bambini e ragazzi fino ai 16 anni di età, qualora se ne siano verificate le condizioni necessarie a cominciare dalla disponibilità in questo senso da parte dei bambini. Tutte le situazioni di ricongiungimento finora attuate sono valutate positivamente e non presentano problematiche e criticità. I bambini/e e ragazzi/e reinseriti nelle famiglie d’origine vengono regolarmente monitorati e sostenuti, anche attraverso alcune integrazioni economiche per il loro mantenimento in famiglia (spese scolastiche, alimentari e sanitarie).
Progetto Continenti è considerato il pioniere in Cambogia nel settore del reinserimento familiare, grazie alle metodologie messe in campo e all’attenzione verso gli aspetti psico-pedagogici, divenendo punto di riferimento e di eccellenza a livello nazionale ed internazionale. In questi ultimi anni le direttive internazionali, guidate da UNICEF e altre grandi agenzie e organizzazioni, hanno spinto verso la de-istituzionalizzazione dei minori dai Centri di accoglienza al fine del loro reinserimento nelle famiglie o nella collettività locale.

077Con l’obiettivo di rendere gli adolescenti più coscienti di sé e più preparati ad affrontare la vita nella società odierna, abbiamo offerto ai residenti e non residenti formazione in inglese, in informatica e in 6 macro aree peculiari per la loro età: Salute, Famiglia e Relazioni, Riflessione Personale, Vita Quotidiana, Lavoro e Comunità/Solidarietà. Il programma, realizzato con il supporto di varie organizzazioni esterne tra cui lo YES Center (Informa-giovani), si è dimostrato molto utile ad affrontare le loro debolezze e fragilità.

 

 

Una volta lasciato il Centro, i ragazzi ormai maggiorenni sono ancora temporaneamente accompagnati e seguiti da educatori a loro dedicati. Sono previsti programmi di formazione professionale e di orientamento individuale per l’inserimento nella comunità locale e nel mondo lavorativo, anche attraverso l’erogazione di borse di studio.

Progetto Continenti fino ad oggi ha sostenuto e accompagnato tutti i minori che sono stati ospitati del Centro fornendo sia beni materiali (cibo, vestiti, libri) sia beni immateriali (istruzione, formazione, effetto, sostegno nello sviluppo della coscienza di sé e del proprio valore).
In linea con le normative internazionali e nazionali cambogiane, il Centro sta continuando il suo operato di reinserimento dei bambini/ragazzi fino al completo svuotamento della struttura. Al momento rimangono 5 casi più difficili: quattro bambini non hanno una famiglia o parenti su cui fare affidamento e un bambino è affetto da una grave disabilità. Ci vorrà del tempo per valutare la soluzione migliore per loro; fino a quel momento rimarranno, fin quando necessario, sotto le nostre cure.

 

Seleziona la tua donazione

  • Backers

    Finanzia l'alimentazione di un bambino dell'asilo per un mese

  • Backers

    Sostieni il fornimento di un servizio di supporto psico-sociale a una donna

  • 1 Backer

    Sostieni tutte le spese per le attività della clinica per una settimana