In Guatemala il presidente vuole espellere la Commissione contro le impunità | Progetto Continenti

0

CITTA’ DEL GUATEMALA – Jimmy Morales, ex comico televisivo, è stato eletto Presidente della Repubblica del Guatemala nel 2015, con il sostegno dell’ala più reazionaria dell’esercito e all’indomani di un maxi-scandalo di corruzione che ha coinvolto venti funzionari del Governo accusati di contrabbando doganale e tangenti. L’inchiesta è stata portata avanti dalla procura con il sostegno della Commissione Internazionale contro l’Impunità in Guatemala (CICIG) e si è conclusa con l’incarcerazione dell’ex Presidente della Repubblica Otto Perez Molina e della sua vice Roxana Baldetti. Ironia della sorte, proprio le indagini della CICIG che oggi Morales vorrebbe espellere dal Paese, hanno in qualche modo contribuito all’ascesa al potere dell’ex comico, che è riuscito a sfruttare a suo favore l’indignazione popolare con le parole d’ordine della lotta alla corruzione e della sicurezza nazionale. Un discorso politico che fa della corruzione il nemico numero uno del Paese dovrebbe guardare con interesse alla presenza di un organismo internazionale anti-corruzione che persegue i medesimi obiettivi. Eppure la questione è più complicata.

La CICIG opera nel paese centroamericano dal 2007 ed è stata creata a seguito di un accordo bilaterale tra il Governo e le Nazioni unite, approvato dalla Corte Costituzionale e dal Parlamento. In undici anni la CICIG ha accompagnato la procura nelle indagini per lo smantellamento di circa sessanta reti criminali in cui sono stati implicati politici e imprenditori di primo livello, funzionari dello Stato e militari. La CICIG mantiene una sua indipendenza e lavora affinché anche la procura non sia soggetta alle pressioni dell’establishment. CICIG e procura hanno chiesto per ben tre volte alla Corte Suprema di Giustizia di revocare l’immunità parlamentare al Presidente della Repubblica al fine di poter procedere a un indagine sui supposti finanziamenti illeciti a favore di Jimmy Morales e del suo partito, il Frente de Convergencia Nacional, durante la campagna elettorale del 2015. E per tre volte il Parlamento, tramite votazione, si è opposto alla richiesta.

A seguito delle pressioni della CICIG sul Parlamento il 7 gennaio il Presidente della Repubblica ha comunicato al Paese la consegna della “notifica di sospensione immediata e definitiva dell’accordo con la CICIG”, depositata alla sede delle Nazioni Unite di New York dalla Ministra degli Esteri Sandra Jovel. Le accuse di Jimmy Morales mosse alla CICIG sono notevoli: «gravi violazioni delle leggi nazionali e internazionali», violazione dei diritti umani e limitazione della sovranità nazionale. Il Presidente, all’indomani delle accuse, ha immediatamente ricevuto l’appoggio formale del CACIF, il Comitato Coordinatore delle Associazioni Agricole Commerciali Industriali e Finanziarie, che in Guatemala ha un influenza sul Parlamento maggiore ai partiti stessi.

Due giorni dopo la Corte Costituzionale si è pronunciata contro l’espulsione della CICIG dal Paese, ricordando che l’interruzione della collaborazione tra la CICIG e la Repubblica del Guatemala può avvenire soltanto attraverso il mancato rinnovamento dell’accordo (prorogato finora per cinque volte e in scadenza il 3 settembre 2019) o attraverso la decisione unilaterale dell’ONU. Michelle Bachelet, Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Diritti Umani, ha espresso preoccupazione per i tentativi del governo di espellere dal Paese la CICIG e per la possibilità di una reazione violenta da parte dello Stato nei confronti dei movimenti che si oppongono a tale provvedimento. Unione Europea, Gran Bretagna e Canada hanno inviato note in cui si augurano il prosieguo della collaborazione tra CICIG e governo mentre gli il governo statunitense resta ancora silente a riguardo.

Il 14 gennaio una sessantina tra organizzazioni e associazioni in difesa dei diritti umani hanno manifestato il proprio dissenso nei confronti del governo rappresentato da Jimmy Morales sfilando per le strade di Città del Guatemala e organizzando blocchi stradali in tutto il Paese. I movimenti condannano le azioni autoritarie del governo, appoggiano la decisione della Corte Costituzionale e ribadiscono con forza l’importanza del ruolo della CICIG per la tutela e salvaguardia dei diritti umani e per la protezione fisica e morale dei difensori dei diritti umani. In un Paese dove le élite militari continuano a imporre l’agenda politica la presenza della CICIG rappresenta non solo uno strumento d’indagine e smascheramento delle collusioni tra istituzioni, lobby economiche e gruppi eversivi ma anche un deterrente per colpi di mano e concentrazioni sempre più verticali del potere.

Fonte: Repubblica, 4 febbraio 2019

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seleziona la tua donazione

  • 1 Backer

    Finanzia l'alimentazione di un bambino dell'asilo per un mese

  • Backers

    Sostieni il fornimento di un servizio di supporto psico-sociale a una donna

  • 1 Backer

    Sostieni tutte le spese per le attività della clinica per una settimana