Diario di viaggio dal Myanmar (seconda parte)

0

Come ci aveva anticipato alla fine della prima “puntata” del suo Diario di Viaggio,  Cristina ci racconta della fondazione di una nuova Associazione di agricoltori birmani, riportando anche l’intervista con il loro neo-eletto Presidente Mr U Than Zaw

 

Il 15 febbraio 2017 è stato un giorno molto importante per il progetto Sesamum in Myanmar. Proprio questo giorno, infatti, sono stati eletti dei delegati dei 30 villaggi coinvolti nel nostro progetto, i rappresentanti della prima Associazione di agricoltori di sesamo della Dry Zone, il MySFA (Myanmar Sesame Farmer Association). Che onore e emozione è stato assistere a questo evento. La stessa emozione visibile sia sui volti dei partecipanti che su quelli del nostro staff. Dopo la presentazione di ciascun candidato, con un breve discorso dinanzi all’attenta platea, si è passati alla votazione vera e propria su piccoli pezzi di carta poi raccolti in un’urna e pubblicamente scrutinati.
Le votazioni hanno portato all’elezione del Presidente e del Comitato Esecutivo, quest’ultimo formato da 3 donne e 3 uomini provenienti dalle due cittadine di nostra competenza, Magway e Minbu. In base alle competenze evidenziate sui curricula di ciascuno degli eletti, il Presidente ha proceduto a conferire a ognuno uno specifico ruolo: segretario, tesoriere, amministratore…
Il Comitato Esecutivo e il Presidente avranno il ruolo di traghettare la fabbrica di sesamo dalla sua fase iniziale ad una fase di maggiore consolidamento sia economico che politico. Questa fabbrica, grazie alla quale si potranno produrre e vendere semi di sesamo di qualità e prodotti derivanti da questo seme, permetterà ai nostri beneficiari di essere autonomi, auto sostenibili, capaci di rispondere alle esigenze che emergono durante il periodo di siccità e investire in nuove attività agricole inglobando sempre più villaggi e contadini.

Di seguito la nostra intervista al neo eletto Presidente, Mr U Than Zaw.

Quali sono i suoi sentimenti su questa nuova opportunità?
“Sono molto felice e fiero di essere stato eletto, è andata meglio di ogni mia aspettativa. Mi sono candidato perché ero molto interessato a svolgere questo tipo di lavoro a beneficio della mia comunità. Gli agricoltori oggigiorno devono fare i conti con il prezzo del sesamo fissato dal mercato, che può essere più basso dell’effettivo costo sostenuto per coltivarlo. Con questa associazione sarà possibile rappresentare una alternativa e fissare da noi il prezzo.”

Ha avuto altre esperienze del genere?
“Sono sempre stato molto attivo nel campo sociale, ho fatto il volontario per altre associazioni internazionali nelle tematica sanitarie e di protezione dei minori e ho rappresentato le istanze dei coltivatori della Dry Zone a livello governativo.”E’ soddisfatto del progetto Sesamum?
“Certo, sono molto fiero di farne parte poiché non ho mai avuto a che fare con questo tipo di opportunità.
Ci sono stati molti progetti in questa zona ma tutti portavano un beneficio a breve termine, mancava un supporto tecnico una volta che il progetto si concludeva. Con l’istituzione del MySFA, invece, si vuole facilitare la creazione di una impresa sociale che punta alla sostenibilità dell’intera comunità nel lungo periodo.”

Quali sono i suoi impegni e speranze per il futuro?
“Ci saranno sicuramente dei momenti difficili e delle problematiche ma sono sicuro che riusciremo a affrontarle grazie al dialogo e alla comprensione. Desidero che l’impresa possa svilupparsi, cogliere tutte le opportunità che verranno e aprire le sue porte a nuovi villaggi e agricoltori.”

Cristina Salamone (Ufficio Progetti Rendicontazione)

Rispondi

Seleziona la tua donazione

  • Backers

    Finanzia l'alimentazione di un bambino dell'asilo per un mese

  • Backers

    Sostieni il fornimento di un servizio di supporto psico-sociale a una donna

  • 1 Backer

    Sostieni tutte le spese per le attività della clinica per una settimana