Cooperazione decentrata: quelle relazioni feconde che meriterebbero più risorse

Foto Anci Toscana 0

Foto di Anci Toscana.

Foto: Anci Toscana.

ROMA – Il Comune di Foligno ha ricevuto un finanziamento di quasi mezzo milione di euro per un progetto di rafforzamento dell’economia locale sostenibile in Bolivia, nei comuni di Tiquipaya e Sacaba. Il Comune di Comacchio, in provincia di Ferrara, ne ha ricevuti 300mila per un progetto di sviluppo inclusivo nel settore turistico a Betlemme, in Palestina. La Regione Piemonte sta conducendo in Burkina Faso un vasto progetto di imprenditoria giovanile, chiamato Giovani al Centro, in partnership con la Regione Toscana e con una serie di Comuni. E così via, a totalizzare nel 2017 ben 53 iniziative per un finanziamento di quasi sette milioni di euro. La cooperazione decentrata, quella gestita dagli enti locali, in realtà è meno di una Cenerentola dell’aiuto pubblico allo sviluppo: non arriva all’1% della spesa governativa totale, che sempre nel 2017 ha superato infatti il miliardo di euro. Meriterebbe di più? Probabilmente sì, perché attiva le energie delle comunità locali, non solo nei Paesi beneficiari dell’aiuto ma anche in Italia, e le mette in relazione, favorendo la conoscenza reciproca e l’integrazione dei migranti. Cosa che non avviene nella cooperazione di Stato.

Metà dei fondi va per obbligo agli organismi internazionali. Un’occhiata ai numeri ci fa capire molte cose. Nel 2018 l’Italia ha speso poco più di un miliardo di euro in aiuto allo sviluppo; di questi, però, oltre la metà sono destinati obbligatoriamente all’Europa attraverso il Fondo europeo di sviluppo  agli organismi internazionali (come la Banca Mondiale) e quindi sfuggono al controllo dell’Italia; solo l’altra metà (scarsa) è sotto il controllo del  governo italiano, che opera attraverso L’Agenzia italiana per la cooperazione allo sviluppo AICS. E’ l’Agenzia che finanzia i progetti di cooperazione decentrata. I sette milioni di euro impiegati nel 2017 sono quindi meno del 2% del bilancio complessivo dell’Agenzia. In futuro questa cifra potrebbe aumentare: infatti il documento triennale di programmazione del Governo riconosce esplicitamente un ruolo importante ai progetti degli enti locali, che hanno la caratteristica di  “da un lato, essere motore di sviluppo di realtà “omologhe” nei paesi partner e, dall’altro, promuovere il rafforzamento della consapevolezza e della responsabilità delle nostre comunità nazionali”.

La Regione Piemonte ha avviato in Burkina Faso un progetto di vasta portata, Giovani al Centro, in rete con l’Università di Torino, con sei municipi del Piemonte e con varie organizzazioni non profit. La partenza è stata ritardata di diversi mesi a causa della situazione difficile nel Paese africano, tormentato da conflitti sparsi dopo la fine della dittatura di Compaoré nel 2014. I ricercatori italiani infatti hanno dovuto annullare la missione di indagine che doveva aprire le attività, per motivi di sicurezza, ma la Regione ce l’ha fatta a portare avanti comunque il progetto, appoggiandosi a ricercatori locali.  L’indagine darà il quadro dell’offerta di servizi per l’impiego, sia pubblici che privati, e dei bisogni di servizi da parte della popolazione di quel territorio, soprattutto giovani. Successivamente i vari attori del progetto formuleranno la proposta di potenziamento e riorganizzazione dei centri per l’impiego e dei corsi di formazione professionale.

“A volte le iniziative di cooperazione allo sviluppo sono comunicate al pubblico in forme che alimentano il rifiuto degli immigrati” dice Giorgio Garelli, responsabile degli affari internazionali presso la Regione Piemonte.  Le ong ad esempio fanno spesso leva su un meccanismo di delega: se tu cittadino mi dai risorse, io aiuterò i Paesi in via di sviluppo a uscire dalla povertà. Il cittadino a questo punto può ritenersi in diritto di rifiutare il migrante, visto che ‘ha già dato’. Invece la cooperazione svolta direttamente dalla comunità locale stabilisce legami di solidarietà e riconoscimento reciproco, che possono far accettare più facilmente i migranti in Italia”.

Il progetto Eco.Com per le associazioni boliviane di produttori agricoli. La cittadina umbra è capofila di un progetto in partnership con i comuni boliviani di Tiquipaya e Sacaba e in Italia ha coinvolto otto Comuni umbri. I destinatari principali del progetto sono le associazioni dei produttori agricoli boliviani, in totale oltre 300 piccoli produttori. Foligno ha costituito un fondo di incentivo e ha selezionato attraverso un bando le proposte imprenditoriali più interessanti e capaci di promuovere un’economia comunitaria e inclusiva. Sono state selezionate proposte in molti settori, tra cui: coltivazione di fragole, allevamento di cuyes (porcellini d’India), produzione di essenza di eucalipto, artigianato tessile, centro educativo per persone con disabilità che producono cioccolatini e bigiotteria.

Il progetto fa leva sulla capacità delle amministrazioni locali in Bolivia di offrire alla comunità servizi utili a favorire lo sviluppo, se aiutate con risorse economiche e organizzative. E’ fondamentale infatti che siano le amministrazioni locali a relazionarsi con la società civile locale, condividendo con i loro omologhi italiani buone pratiche e iniziative di successo. “Un aspetto particolarmente interessante del progetto è lo scambio di esperienze e competenze tra noi amministratori in Italia e i nostri colleghi boliviani” spiega l’assessore Cristina Grassilli. E non è certo a senso unico: ad esempio, sull’economia comunitaria la Bolivia ha una legislazione molto avanzata”.

L’albergo diffuso a Betlemme. Comacchio in provincia di Ferrara ha scelto di sostenere lo sviluppo turistico a Betlemme e Beit Sahour attraverso l’albergo diffuso. Il progetto è nato dal basso e coinvolge cooperative sociali, associazioni, piccoli comuni e scuole sia in Italia che in Palestina. “Abbiamo emesso un bando per le famiglie locali che desiderano ospitare turisti nelle loro case, secondo un modello che sta avendo molto successo in tutto il mondo, la condivisione di spazi” racconta il coordinatore Roberto Cantagalli, dirigente comunale alla Cultura. “Nel centro storico di Betlemme ci sono edifici antichi, bellissimi, a rischio di abbandono. Entro luglio sceglieremo 7-8 alloggi che ristruttureremo a spese del progetto, rispettando le architetture tradizionali, ma in modo da adeguarli alle esigenze del turismo internazionale. L’obiettivo è incrementare il reddito delle famiglie, con un’attenzione speciale alle persone in difficoltà, ad esempio vedove o persone con disabilità. La parte commerciale e di comunicazione sarà affidata a una guest house locale, che aiuteremo con consulenza e formazione specialistica”.

Articolo di Ida Cappiello, La Repubblica  del 06/06/2019.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seleziona la tua donazione

  • 1 Backer

    Finanzia l'alimentazione di un bambino dell'asilo per un mese

  • Backers

    Sostieni il fornimento di un servizio di supporto psico-sociale a una donna

  • 1 Backer

    Sostieni tutte le spese per le attività della clinica per una settimana