Pubblicazioni

1

L’infanzia perduta per oltre un miliardo di bambini

«Povertà, discriminazione, conflitti espongono un miliardo e duecentomila bambini nel mondo al rischio di una prematura fine dell’infanzia». È la cifra, brutale, messa nero su bianco, nel nuovo report di Save the Children sullo stato di “salute” dei minori nel mondo: End of Childhood 2018 – The many faces of exclusion. «Perché sono nati poveri, perché sono femmine, perché crescono in una zona di guerra». Questi sono alcuni dei motivi per cui più della metà dei bambini vengono ancora oggi derubati dell’infanzia, dice David Wright, direttore regionale Save the Children.

E poi c’è il lavoro minorile,, l’emigrazione forzata, i matrimoni “pedofili” (altro non sono i matrimoni forzati con adulti cui vengono costrette ragazzine in età prepuberale, ndr). Tutte infanzie perdute. Almeno 134 milioni di bambini, soprattutto in Africa e Asia, sono costretti a lavorare. Erano 168 mln nel giugno del 2017 secondo le Nazioni Unite.

Stima Save the children che nel 2030 saranno 150 milioni le ragazze che si sposeranno prima di compiere 18 anni. E questo accadrà in America latina come nell’Africa subsahariana. E precisa che dei 28 milioni di minori costretti ad abbandonare la loro casa, 10 sono rifugiati secondo i criteri Onu. Anche la fine di una guerra, però, non vuol dire inizio di una vita migliore. A Mosul, in Iraq, per esempio, molti bambini in questo momento stanno ancora “combattendo” con i traumi del conflitto e la povertà che li circonda, in una città la cui ricostruzione richiederà anni.

«Per quello che sono, per i posti in cui vivono, questi bambini sono privati delle loro infanzie e del loro potenziale futuro», si legge nel report. La situazione globale è nel complesso migliorata, ma molto lentamente e Save the children lo ricorda proprio in vista della Giornata internazionale dell’infanzia e dell’adolescenza che si celebra il primo giugno. Segnali di miglioramento sono stati percepiti nel 51% dei Paesi subsahariani, e nel 47% del Medio Oriente e Nord Africa. In 95 dei 175 Paesi analizzati le condizioni di vita e di crescita dei minori sono migliorate, ma in altre 40 nazioni sono invece peggiorate: si soffre o si muore durante la minore età per malnutrizione, mancanza di educazione, maternità forzata.

Alla voce “la fine dell’infanzia”, la maglia nera del report va a Niger, Mali, Repubblica Centro Africana, Chad, Sud Sudan, Somalia, Nigeria, Guinea, Sierra Leone. Sul podio troviamo Norvegia e Svezia, ma arrivano anche Singapore e Slovenia.

«Paesi con simili livelli di reddito raggiungono risultati diversi» osserva Helle Thorning Schidt, ex premier danese, ora a capo di Save the Children. «Questo dimostra che sono politica, finanziamenti e impegno a fare una differenza critica».

«Nonostante le enormi capacità economiche, militari, tecnologiche», scrive Save the Children, anche Stati Uniti, Russia e Cina, tra le più grandi potenze al mondo, dimenticano di incentivare le politiche per migliorare le condizioni infantili. Gli Usa sono solo al 36esimo posto su 175 Paesi monitorati, tra Russia e Bielorussia: «I bambini negli Stati Uniti sono vittime di estrema violenza, il tasso di omicidi è comparabile a quello di Yemen, Afghanistan, Nord Corea, Filippine. Negli Usa sei milioni di bambini vivono in povertà estrema» scrive il Time.

Articolo di Left 31/05/2018

0

“Camminando con Francesco” di Giuseppe Florio

Novità!

Editore: Diocesi di Rieti (gennaio 2018)
Memoria e profezia dalla Valle Santa

 

Introduzione

Camminare è diventato ai nostri giorni un’esigenza fisica, ma ancor più un bisogno del cuore per contrastare un mondo che va sempre più veloce, ma dentro il proprio loculo informatico. Giuseppe Florio, al contrario, ha percorso a piedi in lungo e in largo la Valle Santa e con la sua sensibilità di fine interprete della Bibbia qual è ci restituisce un’immagine per nulla scontata di san Francesco. Come capita ai grandi della storia, anche il Poverello ha subito nel tempo riletture accomodanti che ne hanno addomesticato il carisma, proiettandone un’immagine sfuocata che rischia di far perdere il fuoco della sua testimonianza. Camminando con l’Autore abbiamo l’occasione di scoprire un “volto altro” rispetto all’immaginario collettivo che ne ha fatto una figura eterea, un po’ stravagante, all’occorrenza ambientalista. In ogni caso, un esempio irraggiungibile da ammirare stando fermi più che da imitare seguendone le tracce.
In realtà, il fascino di san Francesco sta nel rimandare a Colui che ha cambiato la sua vita e nella sua perfetta adesione al Vangelo, che è la strada maestra dell’umanizzazione del singolo e della società. Il punto è che bisogna tornare ad abbeverarsi alle acque fresche della sua esperienza. E proprio questo riesce a comunicare questo libro che diventa una mappa ben documentata e sempre intrigante della vita di Francesco e della nostra vita di oggi.
“Francesco da Rieti”, come si dice per riferirsi all’esperienza di Fontecolombo, Greccio, Poggio Bustone e la Foresta, non intende contrapporsi a “Francesco d’Assisi”, ma solo offrire un altro punto di vista che aiuti a entrare a piccoli passi dentro l’esistenza di un cristiano integrale. Camminando, infatti, ci si accorgerà che san Francesco provoca tutti a scoprire la bellezza della vita e la presenza di Dio nell’infinitamente piccolo, di cui la nostra Valle Santa è memoria e profezia.

Domenico
Vescovo di Rieti

“Shalom”, di Giuseppe Florio

 

Si tratta di uno strumento di formazione biblica in ordine all’evangelizzazione. Già ampiamente sperimentato, è uscito in prima edizione nel 1984 e ora riedito, dopo una revisione generale.
Frutto di esperienza fra praticanti e no, si colloca entro una concezione di comunità locale dalle porte aperte.
Richiede un luogo dove incontrarsi, l’annuncio e l’ascolto della Parola, la preghiera come revisione di vita, le verifiche o tappe del cammino. A tutti si chiede fedeltà agli appuntamenti e la capacità di scegliere un referente (laico).
I 25 moduli o incontri sono distribuiti in una introduzione sulla Parola, in 13 incontri sul Pentateuco e in 9 incontri sul Nuovo Testamento.
Una decina le “note bibliche” con la scansione di una verifica alla fine dei tre “blocchi”di incontri.
Facilità di approccio, scansione precisa, forma ampiamente verificata risaltano da queste pagine.

          P. Lorenzo Prezzi, Rivista La settimana n. 42 , EDB

 

In una versione completamente riveduta ed aggiornata, viene riproposto ai lettori e alle comunità cristiane questo efficacissimo sussidio per la formazione degli adulti, essenziale nella sua articolazione ma ricchissimo nei contenuti. Come spiega già il titolo, Giuseppe Florio – noto per lo straordinario zelo nell’evangelizzazione e nella testimonianza cristiana, sintetizzato in un impegno di studio ma anche di concreta solidarietà non comuni – non vi offre un’esegesi della Scrittura che abbia finalità culturali o intenti di studio critico o letterario. Il modello è invece quello sperimentato per la prima volta la sera di Pasqua, ad Emmaus, dagli affranti discepoli insieme al loro misterioso compagno di viaggio: è la spiegazione alla luce della Resurrezione di tutto ciò che, da Mosè ai profeti, si è riferito a Lui, al Risorto. Una spiegazione finalizzata alla crescita personale, spirituale ed umana tramite l’approfondimento dell’annuncio della salvezza, grazie a frequenti spunti di approfondimento teologico e a soste per la verifica del cammino individuale e comunitario. Una spiegazione capace di aprire gli occhi sul presente.

Il percorso di letture bibliche offerto da Florio non è sequenziale ma le raggruppa per temi. Si  sofferma anzitutto sul significato di “Parola”, aiutando a comprendere “come” Dio parla e soprattutto “perché”. Medita la figura di Abramo, di Mosè, le vicende dell’Esodo e dell’Alleanza, dell’”ascoltare” e del “fare memoria”. Poi Davide, i Salmi, Giobbe ed i Profeti, l’Esilio ed il Servo. E quindi i temi del Regno, della sequela, dello Spirito, della Chiesa e della missione. Ma il cuore pulsante di tutto questo cammino è la Pasqua, rivissuta attraverso una spiegazione scritturistica veramente affascinante e coinvolgente del Triduo Pasquale, culmine della vita cristiana.

Shalom è dunque un libro che quanti amano la Parola di Dio non dovrebbero trascurare, in un tempo in cui il proliferare delle parole umane non dice quasi più nulla di sensato, cioè capace di dare un senso ai giorni ed un orizzonte alle speranze. E amore alla Parola è desiderio di conoscerla e soprattutto di conoscerla insieme, dialogando e familiarizzando con essa, senza improvvisazioni ma con pazienza, con verifiche continue, con stimoli tratti dalla quotidianità, che Florio intreccia sapientemente alla Scrittura, in quella che Ravasi, nella sua premessa, definisce “la costante filigrana tematica e la trama testuale” di queste pagine. Shalom è perciò una dispensa utile e colma per trovare quello che Primo Mazzolari chiamava “il pane per tutte le ore”: la Parola di Dio capace di alimentare e far vivere nell’oggi.

          Tiziano Torresi, Rivista Rocca, 1 Dicembre 2015, Assisi (Segretario Nazionale MEIC)

Seleziona la tua donazione

  • Backers

    Finanzia l'alimentazione di un bambino dell'asilo per un mese

  • Backers

    Sostieni il fornimento di un servizio di supporto psico-sociale a una donna

  • 1 Backer

    Sostieni tutte le spese per le attività della clinica per una settimana