Novità

1

Ho scelto di essere un eroe!

Cari amici, vi informiamo che è stata prorogata la data di scadenza per fare la spesa al Carrefour aiutando Progetto Continenti!! 

In tutti i supermercati della catena CARREFOUR, dall’11 SETTEMBRE fino al 19 NOVEMBRE 2017 a tutti i possessori della tessera punti (sottoscrivibile gratuitamente) ogni 20€ di spesa verrà dato un bollino con un codice dietro. Usate quel codice per votare la nostra Associazione sul sito www.beasuperhero.carrefour.it
Registratevi sul sito, scegliete Progetto Continenti dal menù a tendina e inserite il codice. Con questo semplice gesto ci date la possibilità di ricevere parte dei 500.000€ messi in palio per realizzare progetti di tutela dell’infanzia.
Ora tutti a fare la spesa ma prima fermatevi a fare benzina….la raccolta dei bollini è disponibile anche per i clienti dei Distributori a marchio ESSO.

VOTATECI numerosi e condividete!
Condizioni generali del concorso visibili sul sito www.beasuperhero.carrefour.it

1

Diario di viaggio dal Myanmar (seconda parte)

Come ci aveva anticipato alla fine della prima “puntata” del suo Diario di Viaggio,  Cristina ci racconta della fondazione di una nuova Associazione di agricoltori birmani, riportando anche l’intervista con il loro neo-eletto Presidente Mr U Than Zaw

 

Il 15 febbraio 2017 è stato un giorno molto importante per il progetto Sesamum in Myanmar. Proprio questo giorno, infatti, sono stati eletti dei delegati dei 30 villaggi coinvolti nel nostro progetto, i rappresentanti della prima Associazione di agricoltori di sesamo della Dry Zone, il MySFA (Myanmar Sesame Farmer Association). Che onore e emozione è stato assistere a questo evento. La stessa emozione visibile sia sui volti dei partecipanti che su quelli del nostro staff. Dopo la presentazione di ciascun candidato, con un breve discorso dinanzi all’attenta platea, si è passati alla votazione vera e propria su piccoli pezzi di carta poi raccolti in un’urna e pubblicamente scrutinati.
Le votazioni hanno portato all’elezione del Presidente e del Comitato Esecutivo, quest’ultimo formato da 3 donne e 3 uomini provenienti dalle due cittadine di nostra competenza, Magway e Minbu. In base alle competenze evidenziate sui curricula di ciascuno degli eletti, il Presidente ha proceduto a conferire a ognuno uno specifico ruolo: segretario, tesoriere, amministratore…
Il Comitato Esecutivo e il Presidente avranno il ruolo di traghettare la fabbrica di sesamo dalla sua fase iniziale ad una fase di maggiore consolidamento sia economico che politico. Questa fabbrica, grazie alla quale si potranno produrre e vendere semi di sesamo di qualità e prodotti derivanti da questo seme, permetterà ai nostri beneficiari di essere autonomi, auto sostenibili, capaci di rispondere alle esigenze che emergono durante il periodo di siccità e investire in nuove attività agricole inglobando sempre più villaggi e contadini.

Di seguito la nostra intervista al neo eletto Presidente, Mr U Than Zaw.

Quali sono i suoi sentimenti su questa nuova opportunità?
“Sono molto felice e fiero di essere stato eletto, è andata meglio di ogni mia aspettativa. Mi sono candidato perché ero molto interessato a svolgere questo tipo di lavoro a beneficio della mia comunità. Gli agricoltori oggigiorno devono fare i conti con il prezzo del sesamo fissato dal mercato, che può essere più basso dell’effettivo costo sostenuto per coltivarlo. Con questa associazione sarà possibile rappresentare una alternativa e fissare da noi il prezzo.”

Ha avuto altre esperienze del genere?
“Sono sempre stato molto attivo nel campo sociale, ho fatto il volontario per altre associazioni internazionali nelle tematica sanitarie e di protezione dei minori e ho rappresentato le istanze dei coltivatori della Dry Zone a livello governativo.”E’ soddisfatto del progetto Sesamum?
“Certo, sono molto fiero di farne parte poiché non ho mai avuto a che fare con questo tipo di opportunità.
Ci sono stati molti progetti in questa zona ma tutti portavano un beneficio a breve termine, mancava un supporto tecnico una volta che il progetto si concludeva. Con l’istituzione del MySFA, invece, si vuole facilitare la creazione di una impresa sociale che punta alla sostenibilità dell’intera comunità nel lungo periodo.”

Quali sono i suoi impegni e speranze per il futuro?
“Ci saranno sicuramente dei momenti difficili e delle problematiche ma sono sicuro che riusciremo a affrontarle grazie al dialogo e alla comprensione. Desidero che l’impresa possa svilupparsi, cogliere tutte le opportunità che verranno e aprire le sue porte a nuovi villaggi e agricoltori.”

Cristina Salamone (Ufficio Progetti Rendicontazione)

1

San Giovanni XXIII patrono dell’Esercito Italiano?

Intervento del Presidente di Pax Christi – Italia, Mons. Giovanni Ricchiuti

Ci è giunta notizia che San Giovanni XXIII sarà quanto prima proclamato Patrono dell’Esercito Italiano avendone fatto parte al tempo della Prima Guerra Mondiale.
Come Presidente della sezione italiana di Pax Christi, Movimento Cattolico Internazionale per la Pace, mi sembra irrispettoso coinvolgere come Patrono delle Forze Armate colui che, da Papa, denunciò ogni guerra con l’Enciclica ‘Pacem in terris’ e diede avvio al Concilio che, nella Costituzione ‘Gaudium et spes’, condanna ogni guerra totale, come di fatto sono tutte le guerre di oggi.
Se questa notizia fosse vera, sollecitato da tutto il Movimento Pax Christi e anche da altre persone sensibili al tema della pace, ritengo assurdo il coinvolgimento di Giovanni XXIII, anche perchè l’Esercito di oggi, formato da militari professionisti e non più di leva, è molto diverso da quello della prima Guerra mondiale che, non lo possiamo dimenticare, fu definita da Benedetto XV ‘inutile strage’. E’ molto cambiato anche il modello di Difesa, con costi altissimi (23 miliardi di euro per il 2017) e teso a difendere gli interessi vitali ovunque minacciati o compromessi.
Pensare a Giovanni XXIII come Patrono dell’Esercito lo ritengo anticonciliare anche alla luce della forte ed inequivocabile affermazione contenuta nella Pacem in Terris, “con i mezzi di distruzione oggi in uso e con le possibilità di incontro e di dialogo, ritenere che la guerra possa portare alla giustizia e alla pace è fuori dalla ragione – alienum a ratione”.
E’ ‘roba da matti’, per usare un’affermazione di don Tonino Bello, anch’egli Presidente di Pax Christi fino al 1993.
Papa Giovanni XXIII è nel cuore di tutte le persone come il Papa Buono, il papa della Pace, e non degli eserciti.
Sono certo che questo sentire non sia solo di Pax Christi, ma di tante donne e uomini di buona volontà, a cui chiediamo di unirsi con ogni mezzo a questa dichiarazione per esprimere il proprio rammarico per una decisione che non rappresenta il “sensus fidei” di tanti credenti che hanno conosciuto Giovanni XXIII o che ne apprezzano la memoria di quella ventata profetica che ha indicato alla Chiesa nuovi sentieri di giustizia e di pace.

Altamura, 11 settembre 2017

+ Giovanni Ricchiuti
Vescovo di Altamura-Gravina-Acquaviva delle Fonti
Presidente di Pax Christi – Italia

Fonte: www.paxchristi.it

1

The other Pair

Una manciata di minuti di pura poesia con due bambini come protagonisti. Ha vent’anni Sarah Rozik e con il suo cortometraggio The other Pair (L’altro paio) ha vinto il Luxor film festival.

Siamo lieti di potervelo presentare…..

 

1

Si è concluso il 3° Concorso Fotografico Nazionale Città di Bitonto Elvira “Scaraggi”

Hanno partecipato all’edizione 2017 del Concorso 76 fotoamatori da tutta Italia per un totale di 618 fotografie pervenute.

La cerimonia di premiazione si è svolta sabato 24 giugno alle ore 18.30 presso il Torrione Angioino a Bitonto.

http://www.bitontotv.it/2017/06/Sabato-scorso-la-premiazione-del-concorso-fotografico-dedicato-ad-Elvira-Scaraggi.html

Ecco le foto che hanno vinto per le quattro sezioni previste:

Premio autore Bitontino – Gianfranco Cannito (Bitonto) – La natura si fa uomo


1 posto tema libero Colore – Bartolomeo la Gioia (LT) – Sprazzi di luce


 

1 posto tema libero Bianco e nero – Francesco Schiraldi (Bitonto) – La sofferenza 


 

1 posto sezione Macro – Renzo Mazzola (Ledro) – Formiche Rufo


 

1 posto tema libero Obbligato – Fausto Meini (Fauglia) – Un amore eterno



Per visionare le altre bellissime foto che hanno vinto e partecipato al contest potete andare sulla pagina Facebook del Gruppo Locale di Bitonto al seguente indirizzo:

 https://www.facebook.com/ProgettoContinentiGruppoDiBitonto/photos/?tab=album&album_id=1240095762724155

Le foto vincenti e segnalate sono pubblicate anche sul sito www.uif-net.com

Vi ricordiamo inoltre che è disponibile il catalogo fotografico che raccoglie le foto vincitrici e segnalate delle passate edizioni 2015 e 2016 e di quest’ultima appena conclusa del 2017.

Il catalogo è corredato di codice ISBN, quindi può essere segnalato da ognuno nel proprio curriculum personale fotografico e non.

A disposizione 200 copie a € 15,00 ciascuna.

Per informazioni su consegna e modalità di pagamento potete rivolgervi a Nicola Colapinto: cell. 331 6007420 

Tutti gli introiti sono destinati al centro polifunzionale di assistenza materno-infantile di Awassa in Etiopia.

Progetto Continenti ringrazia ancora tutti i concorrenti per la partecipazione e gli amici del  gruppo di Bitonto.

 

3

Editoriale di Giuseppe Florio per la Pasqua 2016

Cari Amici,

in occasione del Natale ci eravamo detti che è sempre bello poter affermare “Natale con i tuoi”, soprattutto quando questo rappresenta un momento di gioia; e ci eravamo anche detti che purtroppo si tratta di un’ esperienza che a molti non è possibile vivere.

Read More

Seleziona la tua donazione

  • 1 Backer

    Finanzia l'alimentazione di un bambino dell'asilo per un mese

  • Backers

    Sostieni il fornimento di un servizio di supporto psico-sociale a una donna

  • 1 Backer

    Sostieni tutte le spese per le attività della clinica per una settimana