Servizio Civile Universale

Progetto Continenti nel 2019 partecipa nuovamente al bando del Servizio Civile Universale (SCU) con il CIPSI capofila per il progetto “Animare territori solidali coi minori”.

Il programma è finanziatodal Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Le due volontarie selezionate, Alessia Cardillo e Vanessa Brambatti, insieme alla referente OLP (Operatrice Locale di Progetto) Martina Andretta stanno svolgendo attività di educazione alla cittadinanza globale presso l’Istituto Superiore Cine e TV Rossellini di Roma.
La scelta è stata dettata dal desiderio di collaborare con un polo formativo che da più di 50 anni costituisce una struttura di riferimento per il panorama scolastico romano nei settori della cinematografia, televisione e fotografia.
In particolare, considerando che Progetto Continenti ha un centro polifunzionale in Etiopia (Centro Blein) in cui ragazzi adolescenti si occupano di fotografia e montaggio video (Youth club), l’obiettivo ultimo è realizzare un gemellaggio con loro, approfondendo, durante il percorso formativo, temi legati all’educazione alla cittadinanza globale.
Le attività inizieranno lunedì 18 febbraio e si concluderanno il 17 maggio 2019.

Obiettivi del programma formativo

Obiettivo generale: migliorare la consapevolezza dei ragazzi delle due classi prescelte relativamente a temi legati all’interculturalità e alla cittadinanza globale, con particolare riguardo agli alunni che provengono da situazioni disagiate, proponendo loro un percorso di sensibilizzazione, informazione ed educazione sui propri diritti e sulla solidarietà internazionale, che li veda coinvolti attivamente.

Obiettivi specifici:
1) Promuovere la sensibilizzazione sul rispetto di sé e degli altri, con particolare riferimento ai diritti umani universali
2) Rafforzare la loro capacità critica di giudizio, favorendone la consapevolezza su potenzialità e condizioni personali, infondendo loro fiducia nelle proprie capacità
3) Facilitare l’inclusione sociale dei minori in condizioni di disagio o esclusione, attraverso la rivalutazione del processo scolastico e del rapporto alunno-insegnante
4) Incoraggiare azioni di cittadinanza responsabile e di solidarietà nei confronti di persone che vivono in situazioni di disagio ed esclusione

Attività previste per il raggiungimento degli obiettivi

Al fine di raggiungere gli obiettivi specifici verranno organizzati: dibattiti, presentazioni, laboratori e iniziative legate ai temi dei diritti dei minori e dei migranti attraverso giochi di ruolo, letture, racconti, video motivazionali, dando ampio spazio ai ragazzi nelle loro espressioni libere e creative, favorendo il lavoro di squadra e l’apprendimento di gruppo.
I temi trattati verteranno su:
 solidarietà
 emarginazione
 inclusione ed integrazione
 migrazioni
 vulnerabilità
 forme di violenza
 umanizzazione/disumanizzazione
 diritti umani
 libertà
 responsabilità
L’approccio sarà interculturale, dando voce a racconti di solidarietà, amicizia e fratellanza. I giovani saranno accompagnati nel riconoscere ogni forma di discriminazione attraverso una conoscenza approfondita dei diritti universali dell’uomo. Durante queste attività sarà dato spazio a confronti e dibattiti, in modo da favorire l’ascolto di sensazioni, esperienze ed emozioni dei ragazzi, supportandoli nell’approfondimento di concetti legati a solidarietà, rispetto e tolleranza.
Se necessario e ove possibile, le volontarie potranno affiancare gli insegnanti di sostegno dei minori in situazione di disagio, per far fronte a delle tematiche complesse che potrebbero emergere impedendone la corretta integrazione o generando episodi di esclusione sociale. L’affiancamento avrà il fine di ridurre al minimo gli attriti con il resto della classe e favorire la creazione di un ambiente collaborativo e solidale.

Metodologia di lavoro

Il percorso formativo si baserà su:
– educazione alla cittadinanza globale
– educazione ai diritti umani
– educazione interculturale
– pedagogia degli oppressi di Paulo Freire
Relativamente all’ educazione alla cittadinanza globale si tratteranno i seguenti temi:
 DEMOCRAZIA → nella società contemporanea costituisce un valore largamente condiviso anche se non è ancora presente in tutte le nazioni o lo è in modo parziale
 PRINCIPIO DI RESPONSABILITÀ → comporta un’educazione al concetto di reciprocità dei diritti e dei doveri
 SPECIFICITÀ DEI DIRITTI E DEI DOVERI → comporta l’apprendimento delle articolazioni dell’educazione alla cittadinanza
 PLURALITÀ DEI SOGGETTI → l’educazione alla cittadinanza non riguarda solo il complesso di soggetti ma salvaguarda anche tutti i diritti del singolo
Relativamente all’educazione ai diritti umani, si terrà come riferimento la Dichiarazione universale dei diritti dell’Uomo, ratificata nell’Assemblea ONU nel 1948, in cui i diritti di libertà e uguaglianza sono riconosciuti come “diritti naturali, essenziali e inalienabili” che ognuno porta con sé come membro della società, principio da cui deriva il dovere dello Stato di tutelarli.

Seleziona la tua donazione

  • 1 Backer

    Finanzia l'alimentazione di un bambino dell'asilo per un mese

  • Backers

    Sostieni il fornimento di un servizio di supporto psico-sociale a una donna

  • 1 Backer

    Sostieni tutte le spese per le attività della clinica per una settimana