A misura di bambino | Progetto Continenti

“A misura di bambino”: adattamento della scuola materna del Centro Blein secondo il metodo Montessori

immagineOrigine del progetto

Progetto Continenti è presente ad Hawassa dal 2005 e, in base all’esperienza maturata in questi anni e alle mutate condizioni sociali e ai bisogni emergenti, ha elaborato il presente progetto che intende migliorare e rafforzare l’offerta del servizio della scuola materna intesa come una possibile risposta ai crescenti livelli di povertà urbana delle fasce vulnerabili e marginali della popolazione diTabor sub – city di Hawassa.

La bassa scolarizzazione delle famiglie povere, dovuta all’impossibilità di sostenere le spese relative all’educazione dei propri membri, è vista come una delle cause principali che impedisce di trovare fonti di reddito adeguate per il miglioramento delle proprie condizioni di vita (e spesso nemmeno per il proprio sostentamento), alimentando così il circolo vizioso: povertà → analfabetismo → scarse opportunità di impiego → povertà.

L’obiettivo specifico del progetto è dunque quello di garantire annualmente a 70 bambini, con famiglie vulnerabili o figli di madri single, di frequentare un luogo sicuro e pronto a rispondere alle esigenze del loro sviluppo psicofisico oltre a mirare al miglioramento della qualità dell’insegnamento fornendo all’asilo del Centro Blein le condizioni strutturali per l’implementazione del Metodo Montessori.

Descrizione del progetto

Attualmente al Centro Blein confluiscono 70 bambini dai 3 ai 6 anni ogni anno, con orario a tempo pieno (8.00-16.00). Al momento abbiamo un insegnante con qualifica Montessori (formata presso il centro Montessori di Soddo, Etiopia) e due insegnanti formate per un periodo di 2 settimane da due maestre montessoriane italiane che, a titolo volontario, hanno deciso di impiegare le loro vacanze estive con questo obiettivo. Progetto Continenti crede fermamente nell’utilità del metodo Montessori e lo considera un elemento di eccellenza sul quale ha deciso di investire. Il modello di Maria Montessori ha infatti due elementi fondamentali che sono in linea con la vision e mission di Progetto Continenti. In primo luogo, crediamo che i bambini e gli adulti debbano impegnarsi attivamente nella costruzione del proprio carattere attraverso un’interazione diretta con i loro ambienti. In secondo luogo, i bambini, specialmente di età inferiore ai sei anni, vivendo un importante percorso di sviluppo psicologico, necessitano della libertà di scegliere e di agire liberamente all’interno di un ambiente preparato secondo un modello che spontaneamente contribuisca al loro sviluppo ottimale.

Le lezioni attualmente sono improntate sulla didattica tradizionale etiope e nozioni generali del Metodo Montessori, per consentir loro l’accesso alla scuola primaria e ridurre il rischio di abbandono scolastico prematuro. I bambini svolgono quotidianamente attività ludiche per favorire la creatività, la socializzazione e l’affettività tra di loro, attività educative sulla cura dell’igiene personale e dei loro spazi e attività pedagogiche.

Il progetto prevede inoltre lo sviluppo e l’incremento della produzione dell’orto già esistente all’interno del Centro con l’introduzione di alberi fruttiferi, piante aromatiche e verdure. Ogni bambino potrà così cimentarsi nell’arte di “curare” l’orto. Siamo convinti, infatti, dei benefici sotto diversi punti di vista: l’orto può divenire sia uno strumento di educazione alimentare e ambientale – come una sorta di aula a cielo aperto – che essere un’importante fonte di rifornimento della mensa per le merende e i pranzi dei bambini ammortizzando, progressivamente, i costi dell’alimentazione.

Ai bambini e alle loro famiglie è attualmente offerto anche un servizio di ascolto e supporto psicosociale sia per i minori stessi sia per le loro famiglie, per ogni tipo di problematica sociale o psicologica: questo supporto costante rafforza ulteriormente il rapporto di fiducia tra la comunità locale e il Centro, favorendo il successo delle sue attività. La riuscita nell’instaurare rapporti di fiducia e nel coinvolgere le famiglie nel progetto è considerato un elemento essenziale che favorisce la frequenza regolare del servizio educativo e la partecipazione alle attività ricreative previste.

Per raggiungere il proprio obiettivo specifico, l’iniziativa prevede 4 risultati attesi:

  • R 1. Migliorata la qualità e incrementata l’offerta e la fruizione dei programmi di educazione non formale per i bambini vulnerabili in età prescolare nel quartiere Tabor e secondo il metodo Montessori.
  • R 2. Rafforzata la produzione alimentare ortofrutticola della scuola materna del Centro Blein;
  • R 3. Migliorate le conoscenze dei beneficiari e delle loro famiglie sui temi della nutrizione;
  • R 4. Avviato e reso funzionante un servizio mensa per i bambini che frequentano l’asilo.

 


 

logo-2015

Questo progetto è sostenuto con i fondi otto per mille della Chiesa Valdese (Unione delle chiese metodiste e valdesi)

Seleziona la tua donazione

  • 1 Backer

    Finanzia l'alimentazione di un bambino dell'asilo per un mese

  • Backers

    Sostieni il fornimento di un servizio di supporto psico-sociale a una donna

  • 1 Backer

    Sostieni tutte le spese per le attività della clinica per una settimana